E’ incredibile nella società d’oggi quanto ogni cosa ruoti intorno al corpo. A casa, al lavoro, in palestra, per strada, sulle riviste ci viene detto, (specialmente alle donne) come dovrebbe essere il nostro corpo, a cosa dovrebbe somigliare, a quali standard attenersi.

Il fotografo Rick Guest nel suo progetto “What lies beneath”, ci parla  di chi il corpo lo usa per mestiere, ovvero i ballerini di danza classica. spogliati da ogni costume di scena, da ogni trucco, che li rende eterei, leggeri e sognati, sotto tutto questo troviamo i loro corpi che ci appaiono tutt’altro che invidiabili e leggiadri.

Un intrico di muscoli definiti e scolpiti come statue di marmo, che non porta alcuna traccia della sensualità del movimento. La tensione del corpo ha lasciato la morbidezza del ballo. Un’immersione nella pura realtà della vita, quando il mondo sognante del balletto è svanito.

Related Post