CIAPAPULVER, Marcello Pirovano (ITA)

Attualmente in mostra presso la NERO Design Gallery di Arezzo, Lightness gioca sul doppio significato della parola stessa. La mostra è una doppia sfida che porta designer e artisti a creare nuovi oggetti in edizione limitata – in vendita. I prodotti sono esposti all’interno degli spazi della galleria in uno speciale allestimento progettato da Michele Seppia, fondatore della NERO Design Gallery. Per l’occasione sono stati chiamati a partecipare vari designers e artisti tra cui: Duccio Maria Gambi, Miscellaneous Works, Marcello Pirovano, Iris Roth, Pietro Russo, Laura Sattin, Alizarina Silva, Studiopepe / Andrea Ferrari e lo stesso Michele Seppia, che racconta: “Ho sempre pensato a leggerezza e luminosità come a due valori estetici che potessero tradursi nei più differenti linguaggi atistici, vorrei che questo diventasse un appuntamento annuale, un’occasione di incontro e confronto con designer e artisti per esplorare nuove tematiche”.

c

Due dei prodotti esposti sono Ciapapulver e la tote-bag Faux, di Marcello Pirovano. Nato nel 1985, Marcello ha studiato Industrial Design presso il Politecnico di Milano e Design for Interaction in Olanda (TUDelft). Dal 2009 al 2012 ha fatto parte del team di Danese Milano, in particolare come art director della collezione Wast.not, nata dalla sua tesi di laurea intitolata “Chimera Danese”. Dal 2011 è co-fondatore di Tecnificio, una maker facility che utilizza le tecnologie di fabbricazione digitale, come la stampa 3D, creando progetti speciali per un nuovo artigianato 4.0. Ha lavorato come consulente creativo per gallerie italiane specializzate in design, agenzie di consulenza strategica, istituzioni private e pubbliche. Alcuni suoi lavori sono stati esposti all’interno di mostre presso Yerba Buena Center of Arts (San Francisco), Palazzo Ducale (Venezia), Triennale di Milano, e molti altri. Con una grande passione per l’illustrazione e i tatuaggi, colleziona mirabilia e curiosità. 

Ciapapulver è un palese omaggio alla ricerca sulle Sculture da Viaggio di Bruno Munari degli anni ’50. Il progetto ne è variante estetica grazie al processo di produzione che combina carte marmorizzate con la tecnologia del taglio laser. Il risultato è una serie di maschere e totem leggeri per definizione, sia come scopo che come peso specifico, che imitano la solidità del marmo attraverso texture della tradizione ottocentesca.

La tote-bag è diventata uno dei simboli del merchandising dedicato agli eventi. Spesso di cotone leggero e di bassa qualità, è destinata a finire nel dimenticatoio o buttata insieme al materiale di troppo stampato inutilmente. Faux va in controtendenza: i materiali scelti, la stampa serigrafica di alta qualità, i dettagli nella confezione e la tiratura limitata la rendono un accessorio da collezione, rielaborando la texture di una carta marmorizzata ottocentesca in un retino digitale.

Il tema Lightness viene interpretato da Marcello in maniera critica, attraverso il contrasto: le Sculture da Viaggio, che nascono come un oggetto tascabile da portare con sè durante i propri viaggi, sembrano perdere la loro leggerezza e il carattere nomade che le caratterizza, diventando appunto oggetti fissi, ciapa pulver (prendi polvere). La tote-bag Faux invece è in contrasto con la sua stessa definizione: uno degli oggetti simbolo della cultura del riciclo diventa un prodotto di qualità, in tiratura limitata.

Tutti gli oggetti della mostra sono in vendita. Potete visitare Lightness fino al 15 gennaio 2020, presso la NERO Design Gallery di Arezzo.

c

All Rights reserved to NERO Design Gallery

Images by Marcello Pirovano and Jacopo Bille

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: