IL CIBO: LA NOSTRA NUOVA PERVERSIONE

Il cibo è la nostra nuova perversione: è ovunque, lo troviamo in tv, dove i programmi su ricette e cucina hanno monopolizzato i canali televisivi, lo troviamo al cinema, dove le storie di cuochi falliti e poi vittoriosi hanno soppiantato quelle degli idoli sportivi, lo troviamo nelle pubblicità, dove i cuochi diventano i nuovi sex simbol, lo troviamo nella moda, (ultimo servizio Vogue di Anna dello Russo è ambientato in un supermercato), lo troviamo sui social: provate a cercare #foodporn. Insomma, se prima tutto rimandava al sesso, adesso tutto rimanda al cibo: al lato erotico del cibo, quel cibo sexy, che lo vedi e lo vuoi mangiare a tutti i costi. Una ossessione anche all’opposto, quella delle diete: quella a base di proteine, quella del gruppo sanguigno.. Il cibo è il nuovo sesso, e se poi il cibo si unisce al sesso, allora il successo è più che garantito, mi meraviglio, che sui siti porno non abbiano aggiunto una nuova categoria Food.

Su questo tema riflette il lavoro dell’artista James Ostrer, che ricopre letteralmente modelle e modelli di roba da mangiare. Tutti quegli alimenti innocenti e deliziosamente colorati che vediamo al supermercato diventano pura perversione. Provocano disgusto, e ci fanno riflettere sulle nostre abitudini, in tema perfetto con Expo.

 

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: