COME VALUTARE E PENSARE UNA BELLA CUCINA

Moltissime sono le proposte del mercato in modelli e combinazioni per realizzare nuove cucine, adattabili a tutte le possibili necessità del cliente.

Incentrando l’attenzione oggi sull’analisi dell’impatto visivo esterno di una cucina però, poche sono le cucine che personalmente attraggono la mia attenzione e suscitano il mio rispetto. Questo mi succede non solo con le cucine proposte da grandi distributori, generalmente incentrate in un buon connubio tra funzionalità, qualità e prezzo. Purtroppo mi capita di provare gli stessi sentimenti con marche di medio-alto livello che propongono anche cose più pregiate.

In parte il motivo è dovuto al fatto che pare che le aziende abbiano la necessità di sviluppare un elemento lungo chilometri affinchè risulti accattivante: avete notato? Le cucine proposte dalle grandi marche si sviluppano per chilometri di spazio, gli showroom si articolano in vasti metri quadri per ogni modello, cosa che un gran soggiorno risulta essere uno spazio angusto se messo a confronto. Bellissimo che io possa vedere la bellissima nuova composizione di design nella sua completezza. Il problema però è che  questa acquisti pregio e armonia solo quando anche dove verrà posizionata nello spazio reale, si avranno chilometri di spazio da dedicare all’ambiente cucina. E questo quando succede? In una percentuale talmente infinitesimale che potremmo concludere con: praticamente mai.

cucina come fare consigli moderna disposizione armonia scuola di interni wevux chilometri

E allora come fare se le belle cucine sono tali perchè hanno bisogno di tanto spazio per articolarsi nella composizione armoniosa pensata dal designer oppure se quelle cheep rasentano il concetto di cucina usa e getta?

Pochi e semplici consigli base aiuteranno chiunque a farsi spazio nel mondo della produzione di tali elementi ed anche nella miglioria dell’ambiente già esistente in casa:

COSA CI FA PERCEPIRE UNA CUCINA COME NON QUALITATIVA

1) Monocromatismo tra l’elemento cucina ed il muro retrostante.

2) Mala calibratura dello spazio d’avanzo tra la fine del pensile ed il soffitto.

3) mala combinazione dei colori

4) disallineamento tra gli elementi

5) cappa ed elettrodomestici in mala vista (causa modello di elettrodomestico o alla sua locazione)

Esempio:

cucina come fare consigli moderna disposizione armonia scuola di interni wevux

COME CORREGGERE E COSA NOTARE ALL’ACQUISTO DI UNA CUCINA

1) il muro della stanza ed  il retro del piano di lavoro devono avere un cromatismo che colleghi tutti gli elementi; il muro retro alla cucina deve creare un collegamento tra l’elemento cucina e il resto della stanza. La cucina stessa a mio parere deve avere un abbinamento di colore che, per quanto molto intenso o scuro ben si sposi con il resto dell’ambiente, senza creare l’effetto di un blocco solido appoggiato al suolo. I restanti muri, ove il moduli contenitori non sono presenti e quindi non forniscono l’elemento estetico che abbiamo su altri lati, devono legare tutti gli elementi, raccordare i rimanenti pensili o la cappa d’aspirazione al resto del mobile almeno in modo visivo.

2) va valutato in relazione all’ambiente in cui ci si trova. In generale, per ambienti alti circa 3 mt e cucine alte circa 2.50 mt io consiglio di tamponare quei 50 cm che avanzano. Questo evita di aver quell’effetto “segato” che fa apparire la cucina come un oggetto appoggiato, senza una fine. Inoltre evita di avere un piano con un continuo accumulo di polvere su un pensile che sarà scomodo da pulire per la sua posizione e comunque  troppo alto per poter venir usato come porta oggetti.

Quando l’altezza del soffitto invece è superiore ai 3 metri bisogna trovare una soluzione differente per raccordare il tutto: una cornice, un colore o un gioco di volumi o di luci che giustifichino un distaccamento tra il mobile cucina e le pareti.

3) Eviterei cucine totalmente monocromatiche. I colori si devono distribuire armoniosamente tra pensili, isola e contenitori; inoltre si devono legare alle pareti ed al pavimento. I moduli quindi non devono dare la sensazione di essere scollegati fra loro.

4) E’ sempre bello e armonioso avere linee pulite, questo crea ordine. Sia in orizzontale che in verticale. Quindi abbinare i pensili superiori in modo che rispecchino la distribuzione di quelli inferiori, creare simmetria. Posizionare i pensili tutti alla stessa altezza e possibilmente creare allineamento anche tra gli elettrodomestici.

5) Anche la scelta degli elettrodomestici deve essere combinata allo stile della cucina: si devono integrare, entrare a farne parte, amalgamare nel contesto, senza risultare disallineati o abbandonati. Il colore, la forma, il materiale e la posizione devono permettere all’elemento di apparire come un tutt’uno nel contesto.

Esempio: punti 2, 3 e 4

cucina come fare consigli moderna disposizione armonia scuola di interni wevux 02

Esempio: punti 1 e 3

cucina come fare consigli moderna disposizione armonia scuola di interni wevux_big

cucina come fare consigli moderna disposizione armonia scuola di interni wevux 3

Esempio: punti 2, 3 e 4 cucina come fare consigli moderna disposizione armonia scuola di interni wevux Treviso_rovere_bianco

cucina come fare consigli moderna disposizione armonia scuola di interni wevux 04

cucina come fare consigli moderna disposizione armonia scuola di interni wevux cucine_moderne

cucina come fare consigli moderna disposizione armonia scuola di interni wevux 5

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: