ALLA RICERCA DI VIVIAN MAIER

John Maloof è stato un fortunatissimo 26 enne. Dopo aver comprato ad un’asta una scatola contenente degli anonimi negativi di fotografie in bianco e nero, si è ritrovato in mano un vero e proprio caso per la storia della fotografia: Vivian Maier (1926 –  2009 ). Nessuno ne sapeva nulla fino a qualche anno fa, eppure questa donna, dopo aver vissuto la sua vita nell’ombra lavorando per quarant’anni come tata e spostandosi tra città come New York e Chicago tra gli anni 50 e 60, ora è considerata alla pari dei grandi nomi della fotografia del XX secolo. Anzi, c’è chi dice che la Maier sia stata anche di più: un’anticipatrice eclettica di tutta una serie di tendenze che invasero la fotografia incarnandosi successivamente in celebri fotografi di fama internazionale. Di questa donna non si sa moltissimo, certo è che fare la babysitter per lei era molto di più che badare a dei bambini, era l’occasione per passeggiare e osservare, con curiosissimi occhi, il mondo li fuori. Si concesse anche dei viaggi (a Bangkok , Pechino , Egitto e anche in Italia) sempre  accompagnata dalla sua fedelissima Rolleiflex 6×6. Il suo mondo su pellicola era tenuto al segreto, lontano dagli occhi altrui.

Dopo quella fortunata asta, John Maloof, ha iniziato a fare ricerche e indagini su questa donna, fino a definire – spesso grazie ai racconti di quegli ex bambini che la Maier portava a spasso – il profilo di una figura solitaria, femminista, grandissima appassionata di cinema e autodidatta. 

Da quella scoperta è nato un film “Alla ricerca di Vivian Maier” diretto e prodotto proprio da Maloof e Charlie Siskel, distribuito da Feltrinelli Real Cinema.

Un occasione per farsi incantare,  affascinare e osservare splendide immagini di una bellezza dalle atmosfere retrò. E un pretesto  per pensare a quelle figure che spesso dimentichiamo, a quella parte di mondo che non conosciamo ma è li, nell’ombra, a creare qualcosa di speciale che poi qualcuno, chissà quando e chissà come, per sbaglio, scoprirà.

Trovate tutte le foto sul sito.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: