ANDRE’ KERTESZ

Una galleria di Toronto riscopre le fotografie di André Kertész (1894-1985), talentuoso fotografo ungherese del secolo scorso. Qui trovate raccolti alcuni dei suoi scatti, dei bellissimi bianchi e neri in cui Kertész ha trasformato  il voyeurismo  in arte, svelandoci scorci di case, tetti e finestre in cui solitudine e vita si intrecciano. L’intimo e il suo racconto. Come pagine di segreti diari lette in pubblico, queste foto non possono che catturarci e incuriosirci. Rubate agli abitanti del Greenwich village con l’aiuto di telescopi e obiettivi zoom, questi scatti ci raccontano un epoca ed insieme un fotografo che, vivendo da outsider, ha reso anche la sua solitudine un infallibile strumento d’arte.

( La mostra citata è Surveillance, che resterà aperta fino al 20 giugno 2015 presso la galleria Bulger di Toronto, in Canada)

 

 

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: