BOOBS SELFIE: A.K.A. UNA NUOVA FORMA DI INSANITA’ MENTALE

Ebbene devo dire che scrivendo questa rubrica da parecchio tempo di cose assurde ne ho lette e viste parecchie, ma ogni tanto è davvero troppo, quindi vi avverto che questo è un articolo polemico. Sto parlando del nuovo trend che sta imperversando su instagram ovvero il selfie alle tette, e quello che vorrei fare è riflettere su cosa spinge una donna, di sua spontanea volontà a mostrare le tette al mondo intero senza neanche ricevere denaro in cambio. Io di selfie me ne sono fatta parecchi, ma l’unica cosa che veniva inquadrata era la mia faccia, e questo lo capisco, sarà anche una forma di vanità, di egocentrismo, come volete, ma resta comunque un modo per presentarsi agli altri che non compromette la mia dignità di persona e di donna. Non sono contraria alla fotografia o all’arte in generale che mostra il corpo femminile, anzi, altrimenti non scriverei questa rubrica. Quello a cui sono contraria è la mercificazione della donna come oggetto vero e proprio, e per di più spontaneo, insomma un autogoal clamoroso. Insomma il motivo qual è? Avere più follower? ma davvero ne vale la pena?

Per la seconda parte mi rivolgo agli uomini che evidentemente passano il tempo a guardare i decoltè e a farsi le pippe, e  a loro chiedo, ma non è meglio guardarsi un porno? Un bel sano vecchio porno in streaming! Le pornostar fanno quello per mestiere, vengono pagate e hanno le tette di tutte le dimensioni che volete.

In ogni caso per facilitare questo trend cretino, stupido, da finte ragazze perbene, che in realtà sono delle zoccolone è arrivato Titstare, una specie di instagram, che ti aiuta a centrare bene le tette nell’obiettivo. Complimenti sviluppatori di app, un vero passo verso il futuro.

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: