Ferrari f138, presentazione a Maranello

Qualcuno potrebbe rimanere scandalizzato, sbigottito, o quantomeno sorpreso del fatto che in tre mesi circa di rubrica di automobili non si sia ancora mai parlato di una Ferrari. E avrebbe pienamente ragione a sorprendersi (sbigottirsi o scandalizzarsi).

Ecco perche oggi finalmente parleremo della nuovissima Ferrari F138, la nuova bellissima monoposto da Formula 1 presentata oggi a Maranello. Non cadremo in assurdi tecnicismi, non ci interessa. Parlerò da designer e tifoso.

Ed ecco che il telo bianco che la copre viene sfilato (non senza qualche effetto scenico di grande pregio, al che vi invito a visionare il video della presentazione sotto linkato): rossa (ovviamente!), ma anche tanti particolari neri nella parte inferiore della scocca, con una sottile bandella bianca che la circonda lungo tutto il suo perimetro, dividendo il rosso dal nero, impreziosendo un po’ il tutto, slanciando un po’ il tutto. Via quel maledetto scalino sul muso, ora siamo proprio dinanzi ad una vettura che esprime potenza, solidità, cinismo. Se non altro, la battaglia stilistica è già vinta e stravinta.

Immancabili i consueti componenti OZ, Brembo e Pirelli.

Tutti quanti in casa Ferrari (Alonso in primis, ma anche Massa, Dominicali e Montezemolo) esprimono fiducia. E noi siamo fiduciosi (l’espressione di Fernando è tutta un programma)! Forza Rossa!

http://www.youtube.com/watch?v=tN9dRnanXzw

F1, Gran Premio India 2012 - Il Venerdi prima della gara Ferrari f138, Maranello, Alonso,Italia, F1, Alessandro Saggia Wevux (6) Ferrari f138, Maranello, Alonso,Italia, F1, Alessandro Saggia Wevux (5) Ferrari f138, Maranello, Alonso,Italia, F1, Alessandro Saggia Wevux (3) Ferrari f138, Maranello, Alonso,Italia, F1, Alessandro Saggia Wevux (3) Ferrari f138, Maranello, Alonso,Italia, F1, Alessandro Saggia Wevux (2) Ferrari f138, Maranello, Alonso,Italia, F1, Alessandro Saggia Wevux (1) Ferrari f138, Maranello, Alonso,Italia, F1, Alessandro Saggia Wevux (1)

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: