La Coppa di Brividi diventa Deperitivo – omaggio all’Aperitivo Futurista di Depero

Direttamente estratto al Manifesto della Cucina Futurista che Marinetti esibì nel 1930, la Coppa di Brividi creata da Depero è una natura morta servita in una coppetta da cocktail.

Certo, si potrebbe discutere ore sui principi di tale Manifesto, a volte incompreso e forse un po’ criticabile in alcuni aspetti. Ma su un punto sicuramente non si può che essere d’accordo che abbia ispirato generazioni di chef, food designer ed artisti: il cibo è un’opera d’arte e chi lo mangia deve saperlo.

Ed attraverso questa chiave di lettura allora se ne comprende la sua esaltazione ed il suo ritualismo quasi mistico.

Ed arriviamo allora al 2013 con il restyling della Coppa di Brividi: il Deperitivo, in onore di Fortunato Depero ovviamente.

Un paio di accorgimenti per “svecchiare” i sapori, la sostituzione del raffinato Cognac con un più accessibile Brandy, tanto per rimanere in tema coi tempi di crisi, ed ecco a voi la ricetta della rappresentanza diretta dell’ultima vera corrente filosofico artistica che il Bel Paese sia riuscito a creare. Forse un motivo in più per guardare oltre e voltare pagina?

 

Ingredienti

Ingredienti per un’ottimo Deperitivo
7 parti di Punt e Mes
3 party di brandy (Stravecchio o Vecchia Romagna)
1 fetta di arancia
1 costa di pera abate matura
1 chicco d’uva aperto a metà

 

Preparazione

Shakerate il Punt e Mes con il brandy e versateli nella coppa gelata dove avrete già disposto la frutta tagliata. Lasciatela macerare per qualche minuto prima di servire. Potete shakerare con un paio di cubetti di ghiaccio, ma non versateli nella coppa, sciogliendosi annacquerebbero troppo l’aperitivo, poi sì che diventa deprimente!

 

(fonte essentaste.com)

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: