“Occhio” a non cadere

Vi è mai capitato di volervi arrampicare su un palazzo? O di voler provare la precarietà dello stare in bilico sulle finiture esterne di un edificio? Abbiamo trovato un modo per dar sfogo alle vostre idee da parkouristi senza farvi rischiare per davvero la pelle.

Come? Grazie alle illusioni ottiche!

Tutto merito dell’artista argentino Leandro Erlich, che con le sue case riflesse ha permesso a numerose persone di “quasi cadere senza pericolo di cadere”, con stile.

Un punto di incontro tra arte ed architettura, che permette ad una casa disegnata sul pavimento di venir “messa in piedi” da uno specchio posto in fronte ad essa ed inclinato a 45°, che sommati ai 45° dell’immagine riflessa permette all’occhio di vedere la casa magicamente alzata in fronte a noi.

L’artista ha già realizzato varie opere dalla Francia alla Cina. L’unica cosa che resta da fare è sdraiarsi sull’edifico in una posizione verosimilmente precaria,scattare una foto allo specchio e mandarla ai vostri amici!

Ma attenzione a non sorridere troppo: la gravità, quella vera, non vi metterebbe così tanto a vostro agio!

 

https://www.domusweb.it/it/notizie/2013/06/27/leandro_erlich_dalstonhouse.html

http://www.focus.it/cultura/arte/le-nuove-frontiere-delle-illusioni-ottiche-d-autore_05072013_C9.aspx

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: