KEEP LIFE (IT)

Keep Life nasce da un’intuizione del designer Pietro Petrillo: nel periodo natalizio nel sud Italia si consuma molta frutta secca e Pietro notava come i gusci, ormai privi del proprio frutto, andavano a comporre e a formare un
manto armonico e irregolare, caratterizzato da diverse sfumature di colori e dimensioni… da queste osservazione Pietro inizia a sperimentare con questi scarti e agli inizi del 2017 nasce il marchio Keep Life, accompagnato dal brevetto per invenzione industriale. Agli inizi del 2018 la designer Ilaria Spagnuolo entra a far parte del progetto.

Keep Life è un materiale composito a natura lignea, plasmabile e auto-indurente, generato utilizzando i gusci di nocciole, di castagne, di noci, di mandorle, di pistacchi e di arachidi, con l’aggiunta di un legante privo di sostanze nocive, di cariche e riempitivi, di solventi e di formaldeide (parte del brevetto).
Ogni guscio ha in comune due principali peculiarità: una è quella lignea/meccanica che dona al guscio proprietà di resistenza, durezza, rigidezza e densità; l’altra è quella relativa alla stagionatura. Questa avviene in due momenti: il primo durante il periodo di maturazione del frutto; il successivo dopo la sua raccolta e la conseguente operazione di sgusciatura che conferirà una resistenza maggiore.
La lavorazione prevede una selezione dei gusci, differenziandoli per resistenza e colore, attraverso una prima analisi granulometrica eseguita tramite setacciatura. Una volta raggiunta la combinazione desiderata, si può passare alla fase dell’impasto, prodotto interamente a mano, che avviene utilizzando gli scarti e il legante.
Si prosegue con l’essicazione del materiale con conseguente autoindurimento all’interno di stampi, progettati su misura e realizzati mediante stampaggio 3D con filamenti naturali. Questi sono poi sottoposti a compressione attraverso l’utilizzo di una pressa idraulica. L’intero processo di essicazione ha una durata che va dai 20 ai 30 giorni ed è effettuato in modo del tutto naturale. L’ultima fase di lavorazione prevede l’utilizzo delle tradizionali attrezzature da falegnameria con l’impiego della tecnologia CNC.

c

c

Il risultato ha tre differenti gradazioni di colore, dal più chiaro al più scuro, e tre diverse tipologie di levigatura. Si passa da una superficie che mette in evidenza l’aspetto materico, ad una semimaterica, fino ad arrivare ad una
superficie liscia e compatta, non porosa, priva di giunzioni visibili, che soddisfa gli standard più elevati da un punto di vista estetico, costruttivo, funzionale e igienico.

Keep Life (che significa mantenere in vita) trova la sua collocazione naturale nel campo dell’arredamento e dell’edilizia, entrando a far parte di quelle categorie di materiali eco-sostenibili, innovativi e bio-ispirati. Con l’utilizzo di questo materiale si realizzano prodotti che spaziano dalla micro scala, come lampade, arredi sostenitori (sedute e tavoli), arredi contenitori (credenze, armadi, librerie pareti attrezzate ecc.), alla macro, come la realizzazione di rivestimenti e pareti tecniche divisorie.

La finalità di Keep Life è creare una valida alternativa al legno, in modo da non avere una diminuzione del verde globale, ma al contrario, un aumento ed un incoraggiamento a farlo crescere. Nella visione green del brand, vi è l’intenzione di dare un reale contributo all’incremento del verde comune, provvedendo ad un rimboschimento delle aree pubbliche con alberi utili alla causa del materiale, interagendo con gli organi preposti. Questa azione mira a rendere complici la Natura e la collettività, sensibilizzando quest’ultima alla conoscenza diretta dell’ambiente e delle ricchezze presenti sul territorio italiano.

Non si tratta né di riciclo, né di riuso, Keep Life è continuità, rappresenta un processo che cerca di generare un’alternativa concreta di materia, trasformandosi in un nuovo involucro e diventando così un’estensione dell’albero da frutto all’interno di uno spazio domestico o urbano.

Per saperne di più visitate il sito di Keep Life o seguite il brand su Instagram!

f

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: