OPEN CALL TOOLSFORAFTER (IT)

Quali saranno gli strumenti per il dopo?
Cosa è utile progettare ai tempi dell’Antropocene?
Queste sono le domande principali a cui ToolsForAfter vuole rispondere. Ispirato dal Whole Earth Catalog e Global Tools, il progetto è un laboratorio di idee per il dopo. Una chiamata alle armi per designer e architetti e non solo, per chiunque abbia soluzioni, progetti, fantasie, modelli, strumenti che possano rivelarsi utili nel nuovo scenario dell’Antropocene. È un appello all’utopia, a sviluppare l’immaginario, a proporre idee. L’obiettivo finale è creare una sorta di manuale di sopravvivenza per le prossime trasformazioni del mondo, un atlante di soluzioni, un ventaglio di strategie.

Il progetto è diviso in 2 step: durante lo STEP1 ognuno è chiamato a dare un contributo immaginando uno o più scenari. Questi possono essere sviluppati in diversi modi:

-Un testo + parole chiave (Limite: 3.000 caratteri spazi inclusi)
-Un’ immagine + parole chiave (fotografia, disegno, rendering, pittura, fotomontaggio, collage, ecc.) (Limite: nessuno)
-Una musica/opera sonora + parole chiave (Limite: nessuno)
-Un video/cortometraggio + parole chiave (limite: 15 minuti)
-Un testo teatrale + parole chiave (limite: 15 minuti)

Ogni scenario sarà accompagnato da un massimo di 10 parole chiave che ne specifichino le caratteristiche (luogo, contesto, geografia, politica, ambiente, ecc.)

Al termine dello STEP1, il team di ToolsforAfter creerà una raccolta di mappe degli scenari dell’Anthropocene per cominciare quindi lo STEP2. Durante quest’ultimo passaggio, tutti sono chiamati a contribuire scegliendo uno scenario (uno qualsiasi, anche più di uno) e creando un progetto/un’idea/un’utopia che lo affronti.

Lo STEP1 si concluderà il 30 giugno, avete 5 giorni per inviare il vostro scenario! Per saperne di più scrivete a [email protected] o visitate il sito ToolsForAfter

c

c

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: