PAPERSHELL, verso una bioeconomia circolare

Fondata nel 2021, PaperShell AB affronta la crisi climatica attraverso una gestione sostenibile delle risorse naturali. Il brand vuole “reingegnerizzare la carta e trasformarla in una versione più resistente del legno”: nello specifico, attraverso il nuovo materiale crea componenti B2B sostenibili, altamente tecnologici, duraturi e basati su ingredienti naturali presenti nel legno e nelle piante.

Un mese fa abbiamo parlato del materiale citando la sedia Catifa Carta, la nuova versione di Catifa 53, progettata nel 2001 da Lievore Altherr Molina per Arper. La seduta, presentata durante la Milano Design Week 2024, utilizza una nuova scocca in PaperShell. Alla fine del suo ciclo di vita, la seduta può essere sottoposta a pirolisi, un processo di combustione che avviene a bassa temperatura e impedisce il rilascio di CO2. Attraverso quest’ultimo, il materiale viene convertito in biochar, un tipo di carbone vegetale, composto da una percentuale di carbonio che può arrivare fino al 90%, che ha la capacità di trattenere efficacemente la CO2.

PaperShell offre la produzione di componenti B2B print-to-build, sostituendo plastica, fibra di vetro e alluminio: il materiale infatti è più resistente della plastica, versatile come la fibra di vetro e più leggero dell’alluminio. Tra i settori di utilizzo troviamo architettura, interior design, arredo, elettronica e automotive.

“PaperShell si propone di guidare e rendere possibile, per i propri clienti, la transizione verso una bioeconomia circolare, allineandosi ai quadri di sostenibilità globale (Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs), COP15, COP21, Planetary boundaries, ecc) e puntando a obiettivi di carbonio zero e oltre.” – racconta il brand.

Al momento, PaperShell ha collaborazioni con diversi rinomati marchi per lo sviluppo di componenti per nuovi prodotti e per quelli già esistenti. A Tibro, in Svezia, dispone di un centro di ricerca e sviluppo e di uno stabilimento di produzione dove realizza progetti di co-sviluppo e produzione in serie. Per scoprire di più sulla sostenibilità e l’impatto di questo materiale vi invitiamo a visitare il sito, ricco di informazioni e dati a cui tutti possono accedere liberamente.

Il brand è parte della nuova e gratuita Materials Design Map. Per saperne di più visitate il sito del brand e seguite PaperShell su InstagramFoto per gentile concessione del brand

Back to Top