VALDÍS STEINARSDÓTTIR e i suoi esperimenti materici

Valdís Steinarsdóttir è una designer islandese che si è laureata alla Iceland University of Arts nel 2017, specializzandosi in Product Design. Lavora come designer indipendente, concentrandosi principalmente su esperimenti materici e riciclo di materiale organico. Con i suoi progetti Valdís cerca di portare un cambiamento sociale e una nuova sensibilità per poter aprire una piattaforma per la discussione e il dibattito di questi temi. Nel 2018 la designer è stato nominata per l’Icelandic Presidential Innovation Award con il progetto Horsehair Project. A seguire vi presentiamo tre dei suoi lavori:

Just Bones si concentra sullo sviluppo di un materiale forte e naturale, ricavato dalle ossa di animali. Le ossa sono macinate e le loro varie qualità vengono utilizzate per sviluppare e creare un materiale simile per resistenza all’MDF. Oggi, una grande percentuale di carcasse di animali viene smaltita dopo la macellazione, sprecando così preziose materie prime come le ossa. Just Bones è un esempio di come l’ambiente circostante nasconda molte opportunità che quotidianamente sprechiamo. Come negli altri progetti, Valdís esplora materiali comuni da diverse prospettive, in modo da trovare nuove opportunità di utilizzo.

c

c

Bioplastic Skin è un packaging biodegradabile per carne ricavato dalla pelle dell’animale stesso. Le pelli animali sono spesso considerate un sottoprodotto nell’industria della carne e se scegliamo di consumare carne è nostra responsabilità utilizzare l’intero animale e farlo inquinando il meno possibile il nostro pianeta. Il progetto affronta anche il problema dell’uso eccessivo della plastica che è diventato molto diffuso e comune. Ogni giorno grandi quantità di imballaggi in plastica vengono gettati via finendo in discarica o, peggio ancora, nell’oceano. L’obiettivo di Valdís è ridurre l’uso della plastica nell’industria alimentare, in particolare nell’industria della carne. Il consumo di carne e l’uso eccessivo di plastica stanno raggiungendo un punto critico ed è chiaro che la società deve ripensare il suo modello consumistico. Con questo progetto in particolare, Valdís spera di aprire una piattaforma per la discussione e il dibattito sui temi sopracitati.

c

c

Horsehair Project è uno dei primi progetti della designer e si lega alle sue origini: come scrive la progettista, in Islanda hanno un rapporto speciale con i cavalli, poiché da un lato sono amati animali domestici e dall’altro una fonte di cibo. Sebbene le pelli di cavallo siano adatte sia alla produzione di pellame che di pelle, sono raramente utilizzate o conciate in Islanda e sono per lo più considerate un sottoprodotto. Come designer, Valdís invece vede le potenzialità di una fonte di materiale inutilizzata e versatile. I cavalli islandesi non sono soggetti all’allevamento intensivo come molti altri animali, il materiale si rivela quindi un’ottima scelta per le persone che si interessano al benessere degli animali. Il risultato del progetto sono una sedia a dondolo e un paio di pantofole create con il pelo di cavallo.

Per scoprire altri progetti e sapere di più su Valdís, visitate il suo sito e seguitela su Instagram!
Foto di Valdís Steinarsdóttir

c

Vuoi vedere il tuo progetto pubblicato su WeVux?
Mandaci una mail a [email protected] per saperne di più, oppure visita la nostra pagina Chi siamo

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: